IlGiunco.net - Il Quotidiano online della Maremma

Amanita, il nuovo libro di Simone Pazzaglia

Più informazioni su

di Annalisa Mastellone

BAGNO DI GAVORRANO – Uscirà tra qualche giorno (forse già domani 1 marzo) “Amanita”, l’ultimo libro del giovane scrittore gavorranese Simone Pazzaglia, che racconta l’“inconsistente caparbietà” di un uomo e una donna che hanno l’assurda pretesa di riuscire a vivere insieme. Un romanzo in cui si intrecciano tutte le falsità e le incomprensioni che scandiscono la “routine” di due persone che come in un “eterno match” va avanti tra incomunicabilità, rancori e tentativi di distruggersi. Ovvero, “l’elogio alla fragilità del rapporto di coppia e del concetto di famiglia – si legge nella prefazione – condito dall’incomprensibile testardaggine, tipica del genere umano, del voler andare avanti comunque”.

“L’idea nasce dalla volontà di descrivere l’assurdità di un rapporto di coppia spinto agli estremi con tentativi più o meno manifesti di uccidersi o farsi del male – spiega il giovane scrittore, sposato e babbo di due bimbi -. Chi legge di solito, a differenza della maggior parte delle letture, non si identifica in nessuno dei due personaggi e rimane esterno, osservatore distaccato. E’ un romanzo spinto all’estremo, all’impossibilità di un qualsiasi rapporto normale, che spesso sfiora il paradosso e l’assurdo, ma al tempo stesso ogni persona può riconoscere dentro alla storia malata quegli atteggiamenti che, in maniera più o meno velata, sono presenti nella maggior parte dei rapporti di coppia”.

“Amanita” arriverà nelle librerie di tutta Italia a inizio marzo, pubblicato da “Il Foglio letterario”, la casa editrice piombinese con cui Pazzaglia ha firmato anche il suo primo romanzo “Un paese di poveri pazzi e cani”, uscito nel 2009, e successivamente un racconto nell’antologia dal titolo “Pater Noster”. A soli 37 anni, Pazzaglia ha già all’attivo numerosi lavori: con Gaffi editore ha pubblicato i racconti nell’antologia “Cuore di terra” e “A un passo” nell’antologia “Le indie nere”; edito da Tepsi invece, un racconto all’interno dell’antologia “E il cagnolino rise”, e con la casa editrice Historica altri suoi racconti sono usciti in tre diverse antologie.

“Amanita” parteciperà a “Buk”, il Festival della piccola e media imprenditoria che si terrà il 3 e il 4 marzo a Modena, dove Pazzaglia sarà presente con la “scuderia” di artisti de “Il Foglio letterario”, fondato e diretto dallo scrittore e giornalista Gordiano Lupi, premiato come “Editore toscano del 2011” col merito di aver divulgato scrittura e cultura toscana, e scoperto inoltre giovani talenti, tra cui il grossetano Sacha Naspini. Il secondo libro di Pazzaglia può già essere prenotato e acquistato sul sito dell’editore www.ilfoglioletterario.it , quello dell’autore www.simonepazzaglia.com e sulle “librerie” online.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IlGiunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.