IlGiunco.net - Il Quotidiano online della Maremma

A Bagno si ricorda la «Lotta dei cinque mesi»

Bagno di Gavorrano – Sono trascorsi 60 anni dall’inizio di quella che fu definita la “Lotta dei cinque mesi”, un lungo periodo di mobilitazione, proteste e scioperi che i minatori attuarono contro la Montecatini per rivendicare i loro diritti di lavoratori e difendere le loro richieste di miglioramento della qualità del lavoro in miniera. Era il 1951 e per molti minatori quel lungo periodo di lotta fu sinonimo di sacrifici e rappresaglia da parte della Montecatini. Oggi nel 2011 il comitato di gestione della Casa del Popolo di Bagno di Gavorrano ha voluto celebrare il 60esimo anniversario di quel particolare momento storico e sociale per il nostro territorio con un’iniziativa in programma domenica prossima 4 dicembre, giorno di Santa Barbara, patrona dei minatori.

L’iniziativa sarà ospitata nella sala della Casa del Popolo “Arnaldo Senesi” che per l’occasione accoglierà una mostra fotografica delle miniere delle Colline Metallifere e una esposizione di pubblicazioni sul tema minerario.

Il programma della giornata è diviso in due parti: alle 12,15 i saluti delle autorità, alle 12,30 l’intervento di Silvano Polvani su “La lotta dei cinque mesi: memoria e valore di un territorio”; alle 13 poi il pranzo di Santa Barbara: l’organizzazione del pranzo sarà affidata a “Il Fanta Events”.

All’iniziativa saranno presenti il presidente del Parco Nazionale delle Colline Metallifere Luca Agresti e il presidente della provincia Leonardo Marras.

Per informazioni e prenotazioni si possono contattare i numeri telefonici 338.8297833 o 335.7690740.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IlGiunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.