A Bagno si ricorda la «Lotta dei cinque mesi»

Domenica 4 dicembre alla Casa del Popolo ''Arnaldo Senesi'' iniziativa per celebrare il 60esimo anniversario della lunga mobilitazione dei minatori
2 dicembre 2011 - aggiornato alle 13:27

Bagno di Gavorrano – Sono trascorsi 60 anni dall’inizio di quella che fu definita la “Lotta dei cinque mesi”, un lungo periodo di mobilitazione, proteste e scioperi che i minatori attuarono contro la Montecatini per rivendicare i loro diritti di lavoratori e difendere le loro richieste di miglioramento della qualità del lavoro in miniera. Era il 1951 e per molti minatori quel lungo periodo di lotta fu sinonimo di sacrifici e rappresaglia da parte della Montecatini. Oggi nel 2011 il comitato di gestione della Casa del Popolo di Bagno di Gavorrano ha voluto celebrare il 60esimo anniversario di quel particolare momento storico e sociale per il nostro territorio con un’iniziativa in programma domenica prossima 4 dicembre, giorno di Santa Barbara, patrona dei minatori.

L’iniziativa sarà ospitata nella sala della Casa del Popolo “Arnaldo Senesi” che per l’occasione accoglierà una mostra fotografica delle miniere delle Colline Metallifere e una esposizione di pubblicazioni sul tema minerario.

Il programma della giornata è diviso in due parti: alle 12,15 i saluti delle autorità, alle 12,30 l’intervento di Silvano Polvani su “La lotta dei cinque mesi: memoria e valore di un territorio”; alle 13 poi il pranzo di Santa Barbara: l’organizzazione del pranzo sarà affidata a “Il Fanta Events”.

All’iniziativa saranno presenti il presidente del Parco Nazionale delle Colline Metallifere Luca Agresti e il presidente della provincia Leonardo Marras.

Per informazioni e prenotazioni si possono contattare i numeri telefonici 338.8297833 o 335.7690740.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Per avere più informazioni su questi argomenti: - - -
ALTRI ARTICOLI - Se hai letto questo articolo ti potrebbero interessare anche questi altri articoli pubblicati su IlGiunco.net:


¬ N.B. : OGNI COMMENTO SARÁ PRIMA INSERITO IN CODA DI MODERAZIONE. L'UTENTE DOVRÁ CONVALIDARE IL PROPRIO INDIRIZZO EMAIL. Soltanto dopo, nel caso in cui il commento sia ritenuto idoneo, sarà eventualmente pubblicato. Con una nuova procedura infatti sarà verificato l'indirizzo email e una volta "validato", il commento sarà inserito in coda di moderazione. Per validare l'indirizzo si dovrà soltanto cliccare sul link che sarà inviato all'indirizzo inserito nel campo relativo alle email. Grazie per la collaborazione.

¬ Importante: ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname (o nome e cognome) collegato ad un indirizzo email verificato reale ed esistente, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Il Giunco.net manlevato e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Non ci sono ancora commenti.

Siamo spiacenti, ma i commenti non possono essere inseriti.