Partito Democratico: «più attenzione per gli enti locali»

Iniziativa dei democratici che proporranno in tutti i consigli comunale della provincia di Grosseto un ordine del giorno per chiedere al nuovo governo più risorse; Gavorrano tra i primi comuni a discutere
28 novembre 2011 - aggiornato alle 10:19

Grosseto – I Comuni sono alla canna del gas e nel 2012 non avranno le risorse per garantire molti servizi essenziali a cittadini e imprese. Alla vigilia dell’approvazione delle nuove misure di stabilizzazione della finanza pubblica da parte del governo Monti, il Pd maremmano propone un ordine del giorno nei 28 consigli comunali della provincia. Il primo comune a discuterlo sarà quello di Orbetello (28 novembre), poi Follonica (29), Grosseto e Gavorrano (30), a seguire tutti gli altri.

«Dal Governo Monti – spiega la segretaria provinciale Barbara Pinzuti – ci attendiamo una maggiore attenzione nei confronti degli Enti locali, che oggi per mantenere i servizi pubblici sono costretti a vendere pezzi del proprio patrimonio o introdurre tasse di scopo (come quella di soggiorno) nel tentativo di mettere insieme risorse. Poiché cittadini e imprese continuano a chiedere l’intervento degli Enti locali – conclude Pizzuti – con quest’ordine del giorno chiediamo scelte innovative, che diano risposte alle nostre comunità. Chiudere un asilo nido, ridurre l’assistenza domiciliare, non fare manutenzione nelle scuole, sulle strade o nel verde pubblico, o rinunciare ad urbanizzare un’area Pip, infatti, mette in crisi l’intero sistema delle relazioni sociali ed economiche di un territorio».

Per questo l’ordine del giorno del Partito democratico, tra le altre cose, chiede al governo di abbattere del 50% il peso della manovra a carico di Regioni, Province e Comuni, intervenendo su evasione fiscale (oggi a 120 miliardi), tracciabilità del denaro e introduzione di una patrimoniale ordinaria, con una maggiore progressività fiscale a favore dei redditi da lavoro e d’impresa. La creazione di un fondo straordinario per infrastrutture, in particolare di tipo scolastico, prevenzione del dissesto idrogeologico e sviluppo delle infrastrutture immateriali, finanziamento adeguato del Tpl, riordino del sistema del welfare con il ripristino dei fondi sociali per Infanzia e adolescenza e politiche sociali, ama anche la regionalizzazione del Patto di stabilità, con lo sblocco di almeno il 10% dei residui passivi, e il ritorno al 50% (oggi è il 20%) del reintegro del turn over del personale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Per avere più informazioni su questi argomenti: - -


¬ N.B. : OGNI COMMENTO SARÁ PRIMA INSERITO IN CODA DI MODERAZIONE. L'UTENTE DOVRÁ CONVALIDARE IL PROPRIO INDIRIZZO EMAIL. Soltanto dopo, nel caso in cui il commento sia ritenuto idoneo, sarà eventualmente pubblicato. Con una nuova procedura infatti sarà verificato l'indirizzo email e una volta "validato", il commento sarà inserito in coda di moderazione. Per validare l'indirizzo si dovrà soltanto cliccare sul link che sarà inviato all'indirizzo inserito nel campo relativo alle email. Grazie per la collaborazione.

¬ Importante: ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname (o nome e cognome) collegato ad un indirizzo email verificato reale ed esistente, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Il Giunco.net manlevato e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Non ci sono ancora commenti.

Siamo spiacenti, ma i commenti non possono essere inseriti.