IlGiunco.net - Il Quotidiano online della Maremma

Partito Democratico: «più attenzione per gli enti locali»

Grosseto – I Comuni sono alla canna del gas e nel 2012 non avranno le risorse per garantire molti servizi essenziali a cittadini e imprese. Alla vigilia dell’approvazione delle nuove misure di stabilizzazione della finanza pubblica da parte del governo Monti, il Pd maremmano propone un ordine del giorno nei 28 consigli comunali della provincia. Il primo comune a discuterlo sarà quello di Orbetello (28 novembre), poi Follonica (29), Grosseto e Gavorrano (30), a seguire tutti gli altri.

«Dal Governo Monti – spiega la segretaria provinciale Barbara Pinzuti – ci attendiamo una maggiore attenzione nei confronti degli Enti locali, che oggi per mantenere i servizi pubblici sono costretti a vendere pezzi del proprio patrimonio o introdurre tasse di scopo (come quella di soggiorno) nel tentativo di mettere insieme risorse. Poiché cittadini e imprese continuano a chiedere l’intervento degli Enti locali – conclude Pizzuti – con quest’ordine del giorno chiediamo scelte innovative, che diano risposte alle nostre comunità. Chiudere un asilo nido, ridurre l’assistenza domiciliare, non fare manutenzione nelle scuole, sulle strade o nel verde pubblico, o rinunciare ad urbanizzare un’area Pip, infatti, mette in crisi l’intero sistema delle relazioni sociali ed economiche di un territorio».

Per questo l’ordine del giorno del Partito democratico, tra le altre cose, chiede al governo di abbattere del 50% il peso della manovra a carico di Regioni, Province e Comuni, intervenendo su evasione fiscale (oggi a 120 miliardi), tracciabilità del denaro e introduzione di una patrimoniale ordinaria, con una maggiore progressività fiscale a favore dei redditi da lavoro e d’impresa. La creazione di un fondo straordinario per infrastrutture, in particolare di tipo scolastico, prevenzione del dissesto idrogeologico e sviluppo delle infrastrutture immateriali, finanziamento adeguato del Tpl, riordino del sistema del welfare con il ripristino dei fondi sociali per Infanzia e adolescenza e politiche sociali, ama anche la regionalizzazione del Patto di stabilità, con lo sblocco di almeno il 10% dei residui passivi, e il ritorno al 50% (oggi è il 20%) del reintegro del turn over del personale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IlGiunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.